Stanza del Silenzio/ Ottobre 20, 2020/ novità, progetto/ 0 comments

Il Gruppo Nazionale di Lavoro per la “Stanza del Silenzio e dei Culti” è stato chiamato a partecipare al Progetto “Uniti nelle diversità: il diritto a un rito funebre secondo la propria tradizione”: il progetto mira a garantire a tutti il diritto in parola e muove dalla pubblicazione del “Manifesto Interreligioso dei diritti nei percorsi di fine vita”, a cura anche del Tavolo Interreligioso di Roma, nostro socio.

http://www.vita.it/it/article/2019/02/05/ll-manifesto-interreligioso-dei-diritti-nei-percorsi-di-fine-vita-pres/150579/

In questo momento, con tutti gli attori coinvolti, si tratta di indagare come si può garantire a tutti nel nostro paese la possibilità e la certezza di avere una ritualità funebre consona al proprio credo e alla propria cultura di appartenenza.

Il progetto, dal titolo “Uniti nelle diversità: il diritto a un rito funebre secondo la propria tradizione” è stato avviato con la realizzazione di un processo di coinvolgimento e ascolto nel mondo delle comunità religiose ed etiche presenti in Italia. Tale percorso confluirà in un evento online il 22 ottobre, orientato a discutere collettivamente dei bisogni e delle possibili risposte sul tema: il Gruppo sarà presente a portare le proprie esperienze ed osservazioni con il Presidente Prof. Vincenzo Pace e il coordinatore dott. Alessandro Bonardi, riguardo ad una tematica che ha molto a che vedere con la “Stanza del Silenzio e dei Culti”, dispositivo che non si esaurisce nella realizzazione del luogo fisico all’interno degli Ospedali per offrire assistenza religiosa o spirituale, ma inevitabilmente si rivolge anche ai famigliari e alle comunità per i casi di lutto e alla formazione di personale preparato per affrontare questi momenti.

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*